GUIDA ALLA SCELTA DEI MATERIALI IN CUCINA ” IL LEGNO”

pannello-mdfIntroduzione

Se è ben noto che il legno sia un materiale naturale che deriva dai tronchi degli alberi, molto meno conosciute sono invece la sua composizione e le sue caratteristiche, piuttosto che i pregi e i difetti che accompagnano il suo impiego nella produzione dei mobili.

Sostenibilità ambientale

Iniziamo quindi con il dire che il legno è un materiale che ha nel proprio cuore un profondo legame con la tradizione, ma che al tempo stesso rappresenta una risposta alle esigenze più avanzate del mondo moderno in termini estetici, funzionali e soprattutto di “sostenibilità ambientale”. È, infatti, un materiale assolutamente rinnovabile, in quanto può essere continuamente disponibile a patto che si scelga di farne l’oggetto di una “gestione sostenibile”: oggi la gran parte del legno utilizzato dalle industrie deriva da “piantagioni” dove gli alberi vengono “coltivati” e raccolti a maturazione, proprio come accade per i prodotti che provengono dal mondo dell’agricoltura.

legnami

In Europa vige attualmente il Regolamento EU 995/2010 che prescrive dei severi obblighi per gli operatori della filiera legno al fine di evitare l’importazione e la commercializzazione di legno illegale ovvero proveniente da disboscamenti o deforestazioni non controllati.

Esistono poi delle certificazioni volontarie, in particolare la FSC e la PEFC, che sono nate prima dell’entrata in vigore del regolamento europeo citato e che attestano comunque che prodotti realizzati con legno o con suoi derivati (ad esempio, pannelli, carta, imballaggi, ecc.) derivano da foreste o piantagioni gestite in modo sostenibile.

E’ corretto sottolineare che il legno è UN MATERIALE ECOLOGICO • Il legno utilizzato dai produttori di mobili è frutto di piantagioni controllate e come tale sostenibile • È un materiale riciclabile • La coltivazione degli alberi contribuisce a diminuire l’effetto serra

Quando si sceglie una cucina in legno è bene sapere che legno e acqua sono molto affini ; Il legno assorbe e perde continuamente umidità, uno scambio ininterrotto con l’aria dell’ambiente in cui si trova. Questa dinamica determina continui rigonfiamenti e ritiri del legno stesso, un fenomeno che – se non si tiene sotto controllo l’umidità delle cucine, evitando periodi prolungati con valori “estremi” – può portare gravi danni al nostro elemento di legno. Valori di umidità relativa dell’aria molto elevati, ad esempio, possono determinare il rigonfiamento del legno e ci ritroveremmo con ante o cassetti che si aprono con difficoltà e che possono “strusciare” sugli altri elementi del mobile.

I NEMICI DEL LEGNO IN CUCINA • Umidità Soprattutto nel legno massello, se non adeguatamente lavorato e trattato, può determinare rigonfiamenti o al contrario, in un clima troppo secco, può causare ritiri del materiale con possibili fessurazioni • Luce Il colore del legno naturale non è chimicamente stabile e nel tempo si modifica con la radiazione luminosa. Un arredo cucina esposto in modo diverso alle radiazioni del sole può essere soggetto a cambiamenti non uniformi • Sostanze aggressive Il contatto delle superfici con alcune sostanze può modificarne l’aspetto. Da evitare quelle che contengono ammoniaca • Fuoco Tutti sanno che il legno è un ottimo combustibile, pertanto è sconsigliato utilizzarlo vicino ai fuochi, sul piano di lavoro

IMPIALLACCIATURA. PERCHE’ SI USA IN CUCINA • pannello-impiallicciatoIl foglio sottile, o tranciato di legno, di circa 0,5 mm con cui si ricopre il pannello di supporto rende la cucina pregiata e nello stesso tempo meno costosa di una in massello • Da un metro cubo di legno si possono ottenere ben duemila metri quadrati di piallaccio dello spessore di 0,5 mm • Un pannello impiallacciato assicura una buona resistenza nel tempo, è più leggero, non carica sulle cerniere e non è deformabile. Alcune aziende scelgono i tranciati uno ad uno e li “cuciono” con una operazione manuale per ottenere un effetto il più naturale e simmetrico possibile

LE PROTEZIONI DEL LEGNO • Verniciatura Il trattamento di verniciatura può essere di vari tipi (poliuretanica, acrilica, poliestere) ma oggi i produttori si stanno orientando sempre più sulle verniciature all’acqua perché si riduce l’emissione di solventi • Olio Olii vegetali, tratti dal lino o dalle bucce di arancia, resine naturali o cera d’api sono da sempre i rimedi naturali per trattare e nutrire il legno. L’olio ha il pregio di esaltare la naturalità del materiale • Termotrattamento Con un’opportuna esposizione del legno al calore è possibile renderlo più scuro e stabile nel colore, meno poroso. Il rovescio della medaglia è un suo infragilimento

Come già ricordato, il legno massiccio è oggi poco impiegato nella realizzazione delle cucine. I materiali che costituiscono la base portante di tutti i mobili moderni sono, in realtà, i pannelli e, in modo particolare, i truciolari (più tecnicamente “pannelli di particelle”) e i pannelli di fibre (o MDF, acronimo della definizione in lingua inglese “Medium Density Fiberbord”). Questi materiali possono essere considerati come la vera spina dorsale di tutta quella produzione di mobili che potremmo definire “industriale” e il cui sviluppo, iniziato intorno alla metà del secolo scorso, è coinciso proprio con l’affermazione e la sempre maggiore disponibilità di questa tipologia di materiali. I produttori di mobili possono oggi disporre di una materia prima leggera, a costi relativamente contenuti, nelle dimensioni desiderate e con caratteristiche costanti e bilanciate in funzione della destinazione d’uso prevista.

PANNELLI. I TERMINI DA CONOSCERE • pannello-truciolare-2Pannello truciolare Realizzato con frammenti di legno, i trucioli, legati da particolari resine • Medium Density Fiberboard MDF Realizzato con fibre di legno, sempre legate con resine, ha una struttura omogenea e fine • Formaldeide Sostanza volatile che viene emessa anche dalle resine con cui sono composti i pannelli • Classe E1 Sono i pannelli che hanno la minor emissione di formaldeide. La legge impone ai produttori l’obbligo di produrre solo con questa tipologia di pannellipannello-truciolare

Benedetta

About Benedetta

No Comments

Lascia un commento

HABITAT SINTONI

  

CORSO MAZZINI 52/1

48018 Faenza

0546 26361

P.IVA 00043980390

info@habitatsintoni.it

© 2016 Habitat Sintoni. By SHexperience.it